Processo del lavoro: quando viene fissata la prima udienza?

Processo del lavoro: quando viene fissata la prima udienza?

Prima udienza nel processo del lavoro

Entro quanto tempo viene fissata la prima udienza?

Entro quanto tempo viene fissata la prima udienza nel processo del lavoro? L'Avvocato Basilio Antoci di Nicolosi e Catania risponde

La prima udienza nella giustizia civile. I tempi lunghi della Giustizia italiana sono noti a tutti. I governi che si alternano riescono, purtroppo, a fare solo propaganda (da ultimo le paventate proposte di riforma per “eliminare le udienze inutili”). In realtà, a parte rare eccezioni, un processo civile è scandito da un paio di udienze di sostanza (tra le quali vi è la prima udienza, l’udienza di assunzione di mezzi istruttori, l’udienza di precisazione delle conclusioni).

A parte queste vi sono poi udienze molto spesso inutili, definite di “mero rinvio” delle quali il Giudice si serve sovente per rimandare la decisione (in quanto troppo oberato di cause).

Si tratta, certo, di un quadro sommario della situazione, che però non è lontano dalla percezione che i cittadini hanno del processo civile. Nella mia esperienza quotidiana di Avvocato a Nicolosi e a Catania, mi confronto spesso con i dubbi sul “quando?” (quando finirà? Quando ci sarà l’udienza? Quando ci sarà la sentenza?). Tutte domande legittime alle quali, purtroppo, l’Avvocato da solo non può dare una risposta. Ciò posto, in certi casi, il nostro Codice di Procedura Civile ci offre già la risposta. Quando si dice che la risposta è nella Legge.

Prima udienza: l’art. 415 del Codice di Procedura Civile

È il caso della prima udienza nel processo del Lavoro, in cui è la stessa normativa che ci indica l’iter con cui si arriva alla fissazione della prima udienza e i termini entro cui questa va’ fissata dal Giudice. Le cause di lavoro si introducono con il Ricorso e non con l’Atto di Citazione. Con l’Atto di Citazione, in pratica, è l’Avvocato che (nel rispetto dei termini dilatori fissati dal Codice di rito) sceglie il giorno della prima udienza. Con il ricorso, invece, non funziona così: l’Avvocato non può indicare una data per l’udienza (a differenza di quanto avviene con la citazione).

Il primo comma dell’Art. 415 c.p.c., infatti, stabilisce che «il ricorso è depositato nella cancelleria del giudice competente insieme con i documenti in esso indicati», mentre, il secondo comma dello stesso articolo precisa che «il giudice, entro cinque giorni dal deposito del ricorso, fissa, con decreto, l’udienza di discussione, alla quale le parti sono tenute a comparire personalmente».

Ecco che la legge, sul punto, è chiara: una volta depositato il ricorso in Cancelleria, il Giudice deve fissare la prima udienza entro cinque giorni dal deposito. Ecco che abbiamo la certezza che, entro cinque giorni dal deposito del ricorso, si saprà la data dell’udienza. La scelta di tale data è, però, rimessa alla discrezionalità del Giudice. Quest’ultimo, però, non può fissarla a proprio piacere, ma deve rispettare il dettato del terzo comma dell’art. 415 c.p.c.

Secondo tale disposizione, infatti, «tra il giorno del deposito del ricorso e l’udienza di discussione non devono decorrere più di sessanta giorni».

Ciò significa che, conoscendo la data del deposito del ricorso in Cancelleria, si potrà calcolare che la prima udienza sarà fissata entro sessanta giorni da tale data. Può capitare che, il Giudice, non rispetti tale limite e fissi la prima udienza anche oltre i prescritti 60 giorni. La Corte Costituzionale – con sentenza n. 15/1977 – ha precisato che il mancato rispetto di tale termine non ha nessuna conseguenza (fatto salvo il rispetto dei termini per la notifica del ricorso e del decreto – che devono pervenire alla controparte almeno 30 giorni prima della fissa udienza).

Avvocato a Nicolosi e Catania

Per avere consulenza in materia civile e, nello specifico, in materia di diritto del lavoro è possibile contattare lo Studio Legale Basilio Elio AntociAvvocato a Nicolosi e Avvocato a Catania, usando i recapiti della pagina CONTATTI oppure telefonando al numero 3896040727 (orari ufficio – no Whatsapp). Lo studio legale dell’Avvocato Antoci di Nicolosi e Catania si occupa anche di cause di:

  • Condominio e amministrazioni condominiali
  • Diritto di famiglia, separazioni e divorzi, minori
  • Successioni mortis causa
  • Affitti, sfratti, locazioni

Insomma lo Studio Antoci si occupa in generale tutto ciò che concerne il diritto civile.

Nota di copyright

L’immagine inserita nel presente articolo è stata scaricata da www.pixabay.com alla pagina https://pixabay.com/it/tempo-sveglia-orologio-ora-minuto-2980690/ ed è stata rilasciata e pubblicata il 28 Novembre 2017 con licenza “CC0 Creative Commons – Libera per usi commerciali – Attribuzione non richiesta” dal proprietario “Jan Vašek – JESHOOTS-com”.

Pubblicato da Basilio Elio Antoci

Nato a Catania nel 1987, figlio d'arte dell'Avv. Francesco Salvatore Antoci e della Prof.ssa Borzì Giusy, cresce a Nicolosi. Atleta agonista dell'U.S. Nicolosi Sci di fondo & Ski roll, scout A.G.E.S.C.I. del Gruppo Nicolosi 1, scrittore ed educatore. Dopo la maturità scientifica conseguita nel 2005, si laurea in Giurisprudenza nel 2012. Diviene Avvocato nel 2016 e passa alla direzione dello Studio Legale Antoci.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

NICOLOSI

Via Cardinale Dusmet 9/A
95030 - Nicolosi (CT)

CATANIA

Viale Mario Rapisardi 192, IV piano
95123 - Catania

Posta elettronica

P.E.C.: [email protected]
E-mail: [email protected]

E-mail e p.e.c. sono sempre attive, risposta entro un giorno lavorativo.

Recapiti telefonici

Cell. 389-6040727
Tel. 095-914629
Fax 1782206191

Telefonare solo in giorni e orari ufficio, non usare WhatsApp, il fax è sempre attivo