Stalking e omicidio: rapporti tra i reati

Stalking e omicidio: rapporti tra i reati

Cassazione Penale S.U. – Stalking e Omicidio


L’Avvocato Antoci analizza brevemente l’informazione provvisoria della Cassazione Penale a Sezioni Unite sui rapporti tra stalking e omicidio


Sui rapporti tra stalking e successivo omicidio

Stalking e omicidio

Informazione provvisoria 13/2021 della Cassazione. Il problema della violenza, specialmente quella di genere, è quanto mai ricorrente. Tale che il Legislatore ha adottato misure per il contrasto al fenomeno: si veda la Legge 69/2019 c.d. “Codice Rosso”. Nonostante ciò, è sempre necessario il vaglio da parte della Giurisprudenza, al fine di applicare correttamente la legge ai singoli casi concreti. Si parla, in tal senso, di “sussunzione”.

La quaestio iuris

Si è posto il problema di stabilire che rapporto c’è tra l’omicidio commesso dopo delle condotte di stalking. La questione controversa era la seguente:

«Se, in caso di omicidio commesso dopo la esecuzione di condotte persecutorie poste in essere dall’agente nei confronti della medesima persona offesa, i reati di atti persecutori e di omicidio aggravato ai sensi dell’art. 576, comma primo, n. 5.1, codice penale, concorrano tra loro o sia invece ravvisabile un reato complesso, ai sensi dell’art. 84, comma primo, codice penale».

La soluzione della Corte

Con Informazione Provvisoria n. 13/2021 le Sezioni Unite Penali della Cassazione hanno accennato la soluzione. Precisamente i Giudici di legittimità hanno stabilito che quando il reo abbia tenuto condotte persecutorie (c.d. stalking), il successivo reato di omicidio della stessa persona offesa, sia da considerare parte di un unico reato.

L’art. 84 c.p. stabilisce, infatti, che le norme sul concorso di reati «non si applicano quando la legge considera come elementi costitutivi, o come circostanze aggravanti di un solo reato, fatti che costituirebbero, per se stessi, reato». Quando dalla persecuzione si arriva all’omicidio, dunque, non si tratta di diversi reati in concorso tra loro, bensì di un unico reato complesso. Ciò, in quanto il fatto può essere considerato unitariamente.

In attesa della pubblicazione delle motivazioni, la Corte ha pubblicato la seguente massima:

«La fattispecie del delitto di omicidio, realizzata a seguito di quella di atti persecutori da parte dell’agente nei confronti della medesima vittima, contestata e ritenuta nella forma del delitto aggravato ai sensi degli artt. 575 e 576, comma primo, n. 5.1., codice penale – punito con la pena edittale dell’ergastolo – integra un reato complesso, ai sensi dell’art. 84, comma primo, codice penale, in ragione della unitarietà del fatto».

Collegamenti esterni

Per approfondire l’argomento trattato nel presente contributo, si consiglia la consultazione dei testi e degli articoli indicati di seguito.

  • Guido Stampanoni Bassi, Sul rapporto tra stalking e omicidio commesso dopo l’esecuzione di condotte persecutorie nei confronti della medesima persona offesa: l’informazione provvisoria delle Sezioni Unite, in Giurisprudenza Penale, ISSN 2499-846X, Milano, 20 Luglio 2021, pagina www.giurisprudenzapenale.com.
  • Redazione, Sussunzione, in Wikipedia – L’enciclopedia libera, Wikimedia Foundation, Milano, pagina wikipedia.org.

Nota di copyright

L’immagine inserita nel presente articolo è stata scaricata da www.pixabay.com alla pagina https://pixabay.com/it/photos/modello-cacciatrice-stalking-natura-3063385/ ed è stata rilasciata e pubblicata addì 06 Gennaio 2018 con licenza “CC0 Creative Commons – Libera per usi commerciali – Attribuzione non richiesta” dal proprietario “Studio-Dee – Roy Clarke”.


TORNA SU

Pubblicato da Basilio Elio Antoci

Nato a Catania nel 1987, figlio d'arte dell'Avv. Francesco Salvatore Antoci e della Prof.ssa Borzì Giusy, cresce a Nicolosi. Atleta agonista dell'U.S. Nicolosi Sci di fondo & Ski roll, scout A.G.E.S.C.I. del Gruppo Nicolosi 1, scrittore ed educatore. Dopo la maturità scientifica conseguita nel 2005, si laurea in Giurisprudenza nel 2012. Diviene Avvocato nel 2016 e passa alla direzione dello Studio Legale Antoci.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

NICOLOSI

Via Cardinale Dusmet 9/A
95030 - Nicolosi (CT)

CATANIA

Viale Mario Rapisardi 192, IV piano
95123 - Catania

Posta elettronica

P.E.C.: [email protected]
E-mail: [email protected]

E-mail e p.e.c. sono sempre attive, risposta entro un giorno lavorativo.

Recapiti telefonici

Cell. 389-6040727
Tel. 095-914629
Fax 1782206191

Telefonare solo in giorni e orari ufficio, non usare WhatsApp, il fax è sempre attivo